La lingua del potere

Recensione a L.T.I. di Victor Klemperer
a cura di Tobia Zevi - L'Unità 

Esce oggi in libreria l'edizione aggiornata di "Lti - La lingua del terzo Reich" di Victor Klemperer (Giuntina), arricchita di nuove note. Un libro straordinario e relativamente sconosciuto. L'autore fu uno studioso ebreo di letteratura francese, professore al Politecnico di Dresda, sopravvissuto alla Shoah grazie alla moglie "ariana" e alle bombe anglo-americane che distrussero la città, consentendo ai pochissimi ebrei ancora vivi di confondersi nella moltitudine degli sfollati. Il volume raccoglie annotazioni sulla lingua del regime compilate nei dodici anni di nazismo: l'acronimo, criptico per la Gestapo, sta per "lingua tertii imperii"; la scelta di dedicarsi a questo studio mentre agli ebrei era vietato persino possedere dei libri si rivelò un sostegno psicologico per Klemperer, perseguitato per la sua religione e costretto a risiedere in varie "case per ebrei".

La lingua tedesca, secondo il filologo, fu prostituita strumentalmente dai nazisti per trasformare i cittadini in ingranaggi di un organismo potente e criminale. L'obiettivo di questa operazione era ridurre lo spazio del pensiero e della coscienza e rendere i tedeschi seguaci entusiasti e inconsapevoli del Furer. Così si spiega l'abuso, la maledizione del superlativo: ogni gesto compiuto dalla Germania è "storico", "unico", "totale". Le cifre fornite dai bollettini di guerra sono incommensurabili e false - contrariamente all'esattezza tipica della comunicazione militare - e impediscono il formarsi di un'opinione personale. Termini del lessico meccanico vengono impiantati massicciamente nel tessuto linguistico per favorire l'identificazione di ognuno nel popolo, nel partito, nel Reich; da una parte c'è la razza nordica, dall'altra il nemico, generalmente l'Ebreo, significativamente al singolare. Joseph Goebbels arriva ad affermare: "In un tempo non troppo lontano funzioneremo nuovamente a pieno regime in tutta una serie di settori".

Il terreno è stato arato accuratamente. Il sistema educativo, che ha nella retorica di Adolf Hitler il suo culmine, viene messo a punto da Goebbels, il "dottore", e da Alfred Rosenberg, l'"ideologo": l'addestramento sportivo e militare sono preferiti a quello intellettuale, ritenuto disprezzabile. La "filosofia" è negletta come vocabolo "sistema", che descrive una concatenazione logica del pensiero; amatissime sono invece l'"organizzazione" (persino quella dei feliti tedeschi, da cui i gatti ebrei verranno regolarmente espulsi!) e la "Weltanschauung", testimonianza di un'ambizione alla conoscenza impressionistica basata sul "Blut und Boden". Decisivo a questo proposito è l'impiego frequentissimo di "fanatismo" e "fanatico" come concetti positivi. L'amore per il Fuhrer è fanatico, altrettanto la fede nel Reich, persino l'esercito combatte fanaticamente. Il valore risiede ormai nell'assenza del pensiero e nella fedeltà assoluta ("Gefolgshaft") al nazismo e ad Adolf Hitler. Di quest'ultimo si parla saccheggiando il elssico divino, familiare al popolo, per deificarlo compiutamente: "Tutti noi siamo di Adolf Hitler ed esistiamo grazie a lui", "...tanti non ti hanno mai incontrato eppure sei per loro il Slvatore".

Ma come ha potuto imporsi una simile corruzione, in ogni classe sociale, fino alla distruzione completa della Germania? Goebbels fu abile nell'immaginare un idioma poverissimo, veicolato da una macchina propagandistica formidabile, in grado di miscelare elementi aulici con passaggi triviali: l'ascoltatore, perennemente straniato, finisce per perdere la sua facoltà di giudizio. Klemperer ripercorre immagini, simboli e parole-chiave del Romanticismo tedesco, individuando in quest'epoca le radici culturali profonde dell'ideologia della razza, del sangue, del sentimento. Una stagione così gloriosa della tardizione germanica fu dunque capace di iniettare i germi del veleno; l'esaltazione dell'assenza di ogni limite (entgrenzung) e della passione sfrenata deflagrò nel mostro nazista e nell'ideologia nazionalista.

Leggere oggi questo volume fa un certo effetto. Nella sua autobiografia Joachim Fest, giornalista e intellettuale tedesco di tendenza liberale, descrive la resistenza tenace di suo padre alle pressioni e alle lusinghe del regime. Una resistenza borghese, culturale, religiosa che in parte si rispecchia nell'incredulità disperata dell'ebreo Klemperer: non si può credere, non si può accettare che i tedeschi si siano trasformati in barbari e gli intellettuali in traditori. Eppure proprio questo accadde nel cuore della civiltà europea. Il libro è in definitiva un inno mite e puntuale a vigilare sulla lingua, un ammonimento che dovremmo tener presente anche oggi. Come affermò Frans Rosenzweig, citato nell'epigrafe a "Lti", "la lingua è più del sangue".




FacebookAnobiiFeed RssTwitterYou Tube

    Stampa articoloSegnala
    Ottobre 2017
    L
    M
    M
    G
    V
    S
    D
     
     
     
     
     
     
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    11
    12
    13
    14
    15
    16
    17
    18
    19
    20
    21
    22
    23
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30
    31

    ArchivioScrivici