Per Piero Gelli

Per Piero Gelli

E così in silenzio, caro Piero, te ne sei andato con la stessa signorilità che ti ha sempre contraddistinto.
Ci eravamo visti appena due mesi fa e stavi bene, o almeno sembrava. Ma anche ora starai bene in quell’altro mondo, a proposito del quale Rabbi Nachman di Bratzlaw diceva: “Che l’altro mondo esista non c’è dubbio. Che esista questo mondo non è sicuro”. Parole, ahimè, sempre attuali.
Anche se in fondo è poco che ti conoscevo, ci eravamo simpatici. Avevamo in comune il senso del destino, che poi è il senso dell’umiltà. Pensavi anche tu che tutto è destino, pur non sapendo se c’è qualcuno che questo destino lo determina. E poi, soprattutto, apprezzavi le mie barzellette!

Ora ti saluto, caro Piero. Come diciamo noi ebrei, che il tuo ricordo sia di benedizione.

Shalom.

Daniel Vogelmann

 




FacebookAnobiiFeed RssTwitterYou Tube

    Stampa articoloSegnala
    Agosto 2020
    L
    M
    M
    G
    V
    S
    D
     
     
     
     
     
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    10
    11
    12
    13
    14
    15
    16
    17
    18
    19
    20
    21
    22
    23
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30
    31

    ArchivioScrivici