Archivio

L'originalità di Lizzie Doron

di Giorgia Greco - Letti e commentati

Perché non sei venuta prima della guerra? E’ il titolo insolito per un libro assolutamente nuovo e originale sulla Shoah. L’autrice, Lizze Doron, nata a Tel Aviv nel 1953 affronta il tema dell’Olocausto senza mai parlarne espressamente: lo sterminio dei sei milioni di ebrei pervade il libro ed affiora con una prosa scarna ma efficacissima attraverso le sofferenze, mai sopite, della protagonista Helena.(...)


 


Il passato là e il presente qua

Di Marilia Piccone - Stradanove.net
Recensione a Perché non sei venuta prima della guerra?

LE DONNE DI LÀ SI INCONTRAVANO PER IL CAFFÈ DELLE CINQUE DA HELENA, qua. In questa frase che inizia uno degli episodi del libro di Lizze Doron c’è già tutto lo stile di “Perché non sei venuta prima della guerra?”. La capacità di parlare dell’Olocausto senza mai riferirsi apertamente ad esso.

INTERVISTA: Lizzie Doron a Fahrenheit

Ascolta l'intervista di Marino Sinibaldi a Lizzie Doron sul secondo romanzo della scrittrice israeliana C'era una volta una famiglia.

http://www.radio.rai.it/RADIO3/FAHRENHEIT/mostra_libro.cfm?Q_EV_ID=275351



Il tragico braccio di ferro tra Dio e l'uomo

Elena Loewenthal su Perché non sei venuta prima della guerra? - La Stampa

[...] Anche Helena in Perché non sei venuta prima della guerra? è inperenne braccio di ferro, ma con Dio. E in secondo luogo con gli uomini. Quelli che protestano quando in Israele lei, il giorno di Kippur, in sinagoga va a mettersi nel posto dei maschi. (...)



Pagine (57): | « Prima | « | < | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | > | » | Ultima » |
FacebookAnobiiFeed RssTwitterYou Tube
    Giugno 2022
    L
    M
    M
    G
    V
    S
    D
     
     
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    10
    11
    12
    13
    14
    15
    16
    17
    18
    19
    20
    21
    22
    23
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30

    ArchivioScrivici